Ravel Morrison

Igli Tare ama fare acquisti rischiosi per questo prese alla Lazio Ravel Morrison. Lo acquistò a gennaio per l’estate prossima. Arriva a Roma l’estate del 2015. Se in Italia era considerato uno sconosciuto, qui in Inghilterra era molto famoso.

Ravel Morrison era considerato il più grande talento del calcio inglese. Tutto grazie a Sir Alex Ferguson che quando era al Manchester United lo andava a vedere giovanissimo. Rio Ferdinand ama raccontare questo aneddoto “Sir Alex Ferguson uno giorno chiama me e Rooney e ci porta a vedere l’under 14 – disse Ferdinand – poi punta a Morrison e dice – questo ragazzo è più forte di te, Wayne alla sua eta, e più forte di Rio alla sua eta e di Giggs quando aveva 14 anni. Questo è il ragazzo più forte che abbia mai visto giocare”.

Iscriviti al mio canale Youtube

Gary Neville, altro giocatore del Manchester United adesso telecronista, disse che le giovanili giocavano con il centrocampo a tre. “C’erano Ravel, Pogba e Ryan Tunnicliffe, era un grande centrocampo ma Morrison spiccava. Ravel era come Paul Gascoigne, talento unico che riusciva a segnare gol pazzeschi. A centrocampo sono pochi i giocatori che riescono a liberarsi, Ravel Morrison ti dribblava come se fossi un conetto”.

LEGGI ANCHE  Lazio-Dortmund i MOTIVI del successo

Keita ritorna alla Lazio?

La carriera di Ravel Morrison è stata tutto un “se”. Al Manchester United ha problemi, venendo da un brutto quartiere gli “amici” di infanzia lo portano sulla strada sbagliata. Ferguson disperato prova ad allontanarlo da Manchester, ma le cose non vanno. Morrison appena può torna a casa. Al West Ham finalmente combina qualcosa di buono a livello di Premier League ma dopo pochi mesi litiga con l’allenatore, va al QPR in Championship dove brilla. Torna al West Ham ma non gioca mai qui entra in scena Igli Tare che lo convince a firmare per la Lazio.

In molti in Inghilterra sono convinti che lontano dal Regno Unito Ravel Morrison possa sbocciare. Invece l’inglese non lega con nessuno, non impara l’italiano e si isola. Ma quando gioca il talento è chiarissimo. Praticamente Morrison si vede solo ad Auronzo, nel ritiro della Lazio. Nelle amichevoli il talento si vede, anche se il primo anno arriva sovrappeso. Stefano Pioli lo fa giocare pochissimo, appena 159 minuti in un anno. Lui sparisce in Inghilterra.

LEGGI ANCHE  Salvate il soldato Wesley Hoedt

Igli Tare aveva provato il colpaccio, se Ravel Morrison a Roma avesse messo la testa a poso la Lazio avrebbe avuto fra le mani un campione. Ma purtroppo il carattere ha avuto il sopravvento. Pensare che era considerato più forte di Paul Pogba. Ma il talento non basta, ci vuole voglia di emergere e determinazione.

Qualità che Ravel Morrison non ha mai messo in mostra. Guardarlo in allenamento però è pazzesco, fa cose incredibili. A 27 anni il tempo ormai è quasi scaduto, chissà se l’inglese farà finalmente vedere a tutti perché Sir Alex Ferguson lo considerava il più forte di tutti.

Ti piacciono i contenuti di questo sito? Allora perchè non ti iscrivi in modo gratuito alla mia newsletter? Così ogni giorno troverai tutti le notizie più importanti della Lazio nella tua posta

Ti piacciono i contenuti di questo sito? Allora perchè non ti iscrivi in modo gratuito alla mia newsletter? Così ogni giorno troverai tutti le notizie più importanti della Lazio nella tua posta

Lascia un commento

error

Ti piace il blog? Seguimi anche qui