CVC potrebbe aiutare la Lazio a costruire lo stadio

Stadio della Lazio

Nel lontano 2004 Claudio Lotito presenta il progetto per lo Stadio delle Aquile, lo stadio della Lazio. Da allora nulla si è mosso. Lo scorso anno Diaconale intervenuto ad una trasmissione radio dove era ospite il sindaco di Roma aveva promesso che avrebbe invitato il sindaco a Formello e presentato il progetto del nuovo stadio. Si parlava di giugno del 2019. Nulla è successo.

La Lazio non ha mai presentato il progetto. “In Germania il Bayern Monaco riceve 80 milioni di diritti televisivi – ha dichiarato Lotito lo scorso dicembre- e tutto il resto riguarda incassi da merchandising e stadio per un totale di circa 700 milioni. In Italia abbiamo la situazione inversa. La prima idea che ho lanciato appena sono entrato nel calcio nel 2004 è stata quella dello stadio polifunzionale, ossia un impianto aperto 24 ore su 24, che avrebbe portato ricavi aggiuntivi a quelli dei biglietti e dei diritti tv. La Juventus con lo stadio nuovo è riuscita, grazie a una serie di iniziative, che io avrei voluto realizzare a Roma, a creare un centro commerciale, un indotto alternativo ai diritti televisivi, avendo dei ricavi esterni al mondo dei media”.

La Lazio paga l’affitto per lo Stadio Olimpico, uno stadio vecchio, scomodo, che costa alla Lazio 4 milioni all’anno. “io avevo un terreno sulla Tiberina, 550 ettari che mettevo a disposizione della società, veniva conferito gratuitamente. Avevo pronto un progetto dove era prevista la stazione ferroviaria interna, dentro lo stadio, lo svincolo autostradale, l’approdo col battello, nella direttiva di ingresso principale di Roma. Solo lo sponsor dello stadio avrebbe dato minimo 50-60 milioni. Però è stato fatto ostruzionismo, dicendo che Lotito voleva fare una speculazione perché volevo costruire delle case, dove non c’è nessuno, per coloro che avrebbero usufruito dello stadio. Poi sono stati posti dei vincoli idrogeologici, che sono superabili, il vincolo non è ostativo. Sono state tutte strumentalizzazioni per non farmi fare lo stadio”.

Intanto la Juve ha lo stadio, il Milan e l’Inter stanno portando avanti un progetto, la Roma sta spingendo per il nuovo stadio e anche la Fiorentina sta discutendo con il comune di Firenze per il loro stadio. La Lazio invece è ferma. “Oggi immaginate, se avessi fatto lo stadio nel 2005, con il ricavo dal comparto edilizio avrei ripagato l’impianto” ha confessato Lotito lo scorso dicembre. La Lazio avrebbe avuto introiti superiori e magari sarebbe da anni stabilmente in Champions League. Per adesso però tutto tace. Intanto la Lega calcio sta discutendo con il gruppo CVC che vorrebbe gestire i diritti televisivi della Serie A. Ma c’è di più CVC vorrebbe anche creare una società responsabile della costruzione di nuovi impianti sportivi per i club di Serie A. 

Praticamente l’idea è che la Lega Calcio costruisca gli impianti per o insieme ai club. Un aiuto importante che potrebbe risolvere i problemi con la burocrazia italiana. La società costituita dalla Lega e CVC prenderebbe, immaginiamo, parte dei ricavi, ma contribuirebbe alle spese di costruzione, che sono molto elevate. Una soluzione che aiuterebbe la Lazio. CVC sta discutendo in esclusiva con la Serie A. A trattare con CVC ci sono Andrea Agnelli, Claudio Lotito, un rappresentate dell’Atalanta e del Napoli. Per il calcio italiano sarebbe la svolta, ma lo potrebbe essere anche per la Lazio che finalmente potrebbe realizzare lo stadio di proprietà. 

Ti piacciono i contenuti di questo sito? Allora perchè non ti iscrivi in modo gratuito alla mia newsletter? Così ogni giorno troverai tutti le notizie più importanti della Lazio nella tua posta

Lascia un commento