Analisi Genoa-Lazio

Vittoria importantissima quella della Lazio contro il Genoa. Importante per la classifica, perchè la Lazio è ancora in corsa per il quinto posto, importante per il morale, seconda vittoria consecutiva dopo il brutto derby, importante per la prestazione, la Lazio sta giocando bene e contro il Genoa non aveva mai giocato così bene.

Una vittoria di squadra, è vero Ciro Immobile ha fatto una tripletta, ma la Lazio ha giocato bene, nessuno è sotto la sufficienza e tutti sono stati determinanti. A partire da Strakosha. Da quando è tornato titolare non è la prima volta che un suo intervento “cambi la partita”. Sullo 0-0 fa una parata che tiene il risultato in equilibrio, andare subito sotto avrebbe cambiato decisamente la partita. 

Non solo, ma anche nelle uscite alte è migliorato tantissimo. Più passa il tempo e più diventa forte. Ma dopo il miracolo su Ostigaard c’è un altro bel intervento su Portanova. Insomma se la Lazio non si è ritrovata sotto nel primo tempo è merito suo. Ovviamente, determinante è stato Ciro Immobile. Perchè il secondo gol, arrivato allo scadere del primo tempo “uccide” il Genoa, che aveva ancora una chance.

Perchè il raddoppio di Ciro arriva proprio quando il Genoa stava spingendo. Perchè il terzo gol arriva quando il Genoa aveva trovato il gol. Immobile è devastante, contro il Sassuolo aveva troppa voglia di segnare, contro il Genoa è tornato il bomber che tutti noi amiamo e che fa rosicare tanto gli altri. I numeri di Immobile non si possono discutere, così come le sue doti da bomber.

Ma la vittoria della Lazio nasce dalla fasce, Adam Marusic e Manuel Lazzari. Tutti e due ad un certo punto si sono ritrovati in panchina. Ma tutti e due sono determinanti in questa Lazio. Marusic ha un potenziale importante ma ci crede troppo poco. Dovrebbe cercare più spesso la galoppata fatta contro il Genoa, ha progressione e potenza muscolare oltre che a un bel piede. Non è accettabile che questo sia solo il primo gol in campionato.

E poi c’è Lazzari che non ha lo stesso fisico di Marusic ma quando si lancia in velocità sono dolori per tutti. Due partite da titolare 1 goal e 1 assist. Per un terzino direi che va benissimo. Inoltre Lazzari è migliorato anche in fase difensiva. Contro il Genoa nel finale, di testa, salva la Lazio. In chiusura una nota su Luis Alberto, non ha fatto una partita strepitosa, ma è stato con la febbre alta per tutta la settimana, ha fatto un solo allenamento ma è sceso in campo.

Si diceva lo faceva solo per Inzaghi, beh Inzaghi è all’Inter ma lui ha giocato lo stesso. In più ha trovato l’assist per Ciro come ai bei tempi. Non mi sembra proprio un giocatore che voglia andare via.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.