Il futuro di Igli Tare

Questa estate sembrava che il destino di Igli Tare fosse lontano dalla Lazio. Addirittura si ipotizzava che nonostante ancora un anno di contratto il Direttore Sportivo albanese potesse lasciare la Lazio in anticipo. Se vi ricordate Igli Tare ebbe un colloquio con il Parma che subito dopo smentì la cosa. 

Il Direttore Sportivo era stata anche accostato alla Juve in caso di una nuova rifondazione. La ristrutturazione in casa Lazio sembrava aver spinto Tare alla rottura. Infatti Claudio Lotito ha apportato modifiche importanti nella struttura societaria “limitando” il potere del DS che fino a giugno era onnipresente.

Tare aveva di colpo perso la Primavera e il calcio femminile ed era rimasto in carica solo della Prima Squadra, un ruolo che sembrava stargli stretto. Alla presentazione delle maglie della Lazio c’era stata una feroce discussione fra Tare e Lotito poi smentita dalla società. Ma la rottura sembrava insanabile. Tare non voleva lasciare la Primavera. Inoltre c’era chi sosteneva che Fabiani, nuovo responsabile della Lazio Women e della Primavera, si stesse occupando anche del calciomercato della prima squadra.

Ma le dimissioni di Tare non sono mai arrivate. Non solo, ma i litigi con Lotito sembrano essere cessati. Al momento il Direttore Sportivo segue la Prima Squadra ed è presente ad ogni partita smentendo chi pensasse che si defilasse o fosse emarginato. Dall’altra parte bisogna anche notare come nessuna squadra si sia più mossa. Due anni fa il Milan aveva provato a prenderlo, si disse che anche la Juve ci aveva provato adesso invece è tutto fermo.

Il contratto resta in scadenza e la Lazio non si è mossa per il rinnovo. Ma neanche Igli Tare si è mosso. Il rapporto che solo qualche mese fa sembrava compromesso adesso si sta ricucendo. Complice anche un mercato positivo e un inizio di stagione incoraggiante. Claudio Lotito ritene Tare una “sua” invenzione e per questo non è convinto di lasciarlo andare via. Bisogna anche ammettere che Igli Tare ha fatto anche bene. Anzi, soprattutto all’inizio ha fatto bene, poi quando ha acquisito sempre più potere le cose sono peggiorate. Forse non aveva più il tempo per fare le cose per bene. Sono arrivati i primi acquisti sbagliati, la lista dei fuori rosa sono cresciuti. 

Non è un caso forse che questa estate che ha perso alcuni ruoli la Lazio ha fatto un ottimo mercato e si è liberata di praticamente tutti i fuori rosa. Igli Tare a Roma si trova bene ma secondo voci di corridoio starebbe studiano l’inglese. Forse c’è un sogno Premier League o solo la voglia di perfezionare la lingua per trattative internazionali?

Del resto questo è stato il miglior calciomercato della gestione Lotito e anche Igli Tare è stato protagonista. Nel calcio tutto può cambiare rapidamente. Solo 2 mesi fa eravamo tutti certi che Tare non sarebbe mai rimasto adesso invece le cose sono cambiate. Il direttore sportivo sembra aver accettato questo nuovo ruolo, con meno potere, che però gli consente di svolgere meglio il lavoro sul mercato. Dall’altra parte la Lazio ha capito che per crescere non si può avere una struttura con un Direttore Sportivo che decide tutto ma bisogna delegare a più persone. 

Sono piccoli passi in avanti che confermano come la società stia crescendo.  L’unico tassello che manca adesso è capire se il futuro sarà ancora con Igli Tare direttore sportivo o meno. A gennaio inevitabilmente se ne saprà di più ma chi sperava che l’albanese fosse stato emarginato è rimasto deluso



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *