Quanto Guadagna un Arbitro di Serie A?Quanto Guadagna un Arbitro di Serie A?

Vi siete mai chiesti Quanto Guadagna un Arbitro? In molti se lo chiedono allora in questo articolo proveremo a svelarvi l’arcano mistero. Gli arbitri di Serie A, la massima divisione del calcio italiano, svolgono un ruolo cruciale in ogni partita. Ma quanto guadagnano per la loro importante funzione? E come si confrontano i loro compensi con quelli percepiti nelle competizioni europee come la Champions League?

Gli arbitri di calcio, nonostante il ruolo cruciale che svolgono nelle competizioni di alto livello, non sono considerati professionisti a tempo pieno nel senso tradizionale. In realtà, molti di loro hanno carriere e impieghi al di fuori del mondo del calcio. Questo significa che, oltre alla loro attività arbitrale, svolgono altri lavori, che possono variare da professioni nel settore privato a ruoli nel settore pubblico o nell’educazione. 

Leggi anche Quanti italiani hanno vinto il pallone d’oro?

La remunerazione che ricevono per arbitrare partite di calcio, quindi, è un compenso aggiuntivo alle loro entrate principali. Questo sistema è in parte dovuto alla natura stessa del calcio, dove gli incontri si svolgono principalmente nei fine settimana o nelle serate infrasettimanali.

Guarda anche il mio canale Youtube

Di conseguenza, gli arbitri possono mantenere i loro impieghi regolari e dedicarsi all’arbitraggio come attività secondaria, sebbene altamente qualificata e di grande responsabilità. Questa doppia vita professionale richiede un notevole impegno e una gestione efficace del tempo, poiché devono bilanciare le esigenze del loro lavoro principale con le rigorose richieste fisiche e mentali dell’arbitraggio a livello competitivo.

Quanto Guadagna un Arbitro in Serie A

Secondo quanto scoperto, gli arbitri di Serie A ricevono compensi basati sulla loro esperienza e sul numero di partite arbitrate. Ecco una ripartizione dei compensi per la stagione 2022/2023:

– Cessione dei Diritti di Immagine: Gli arbitri ricevono un compenso annuale per la cessione dei diritti di immagine, che varia in base agli anni di attività:

  •   – 1° anno: 20.000 euro
  •   – Da 0 a 50 gare di Serie A: 30.000 euro
  •   – Oltre 50 gare di Serie A: 60.000 euro
  •   – FIFA ed ex FIFA (arbitri internazionali): 90.000 euro

– Compensi a Partita: Oltre al compenso fisso, gli arbitri ricevono un compenso per ogni partita arbitrata:

  •   – Arbitro: 4.000 euro a partita
  •   – Assistente: 1.400 euro a partita
  •   – Quarto Uomo: 500 euro a partita
  •   – VAR: 1.700 euro a partita
  •   – AVAR: 800 euro a partita

Quanto Guadagna un Arbitro in Champions League

Per quanto riguarda le competizioni europee, come la UEFA Champions League, gli arbitri ricevono compensi differenti. I compensi aumentano con il progredire della competizione:

  • – Fase a Gironi: Gli arbitri ricevono circa 5.000 euro per una partita della fase a gironi.
  • – Fasi Successive: Il compenso aumenta nelle fasi successive, con gli arbitri che possono guadagnare fino a 6.500 euro per una partita degli ottavi di finale in poi.

Conclusioni

Essere un arbitro di Serie A è un compito impegnativo che richiede competenza, imparzialità e resistenza allo stress. I compensi percepiti dagli arbitri riflettono l’importanza del loro ruolo nel calcio. Sebbene non raggiungano le cifre guadagnate dai giocatori di alto livello, i compensi degli arbitri sono significativi, soprattutto nelle competizioni europee di prestigio come la Champions League.

Ogni giorno ti invierò una email con tutte gli articoli del blog. Completamente gratis! Che aspetti, iscriviti!

Non perderti questi articoli!

Non inviamo spam! Leggi la nostra [link]Informativa sulla privacy[/link] per avere maggiori informazioni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *