Simone Inzaghi, il Re di Coppe

Il calcio è strano, molti ormai non hanno pazienza o forse non ci capiscono molto di calcio. Tre mesi fa molti volevano la testa di Simone Inzaghi. Addirittura c’è chi diceva che avesse perso contro il Porto doveva essere esonerato. Non è facile lavorare in certe condizioni, ma Simone Inzaghi ha tirato dritto e i risultati sono arrivati.

Perché Juventus-Inter si chiama derby d’Italia?

Vittoria in Supercoppa contro il Milan, vittoria in Coppa italia contro la Fiorentina. Quarta Coppa vinta in due anni con la maglia dell’Inter. Niente male, anche perché ha giocato mezza stagione senza il grande acquisto della estate Romelu Lukaku. Antonio Conte avrebbe pianto 9 mesi e poi avrebbe dato la colpa alla dirigenza. Simone Inzaghi no, anche perché la stampa non è mai stata tenera con Inzaghi.

Simone ha tirato dritto, ha cambiato il gioco dell’Inter in corsa e ha raddrizzato la nave. Certo lo Scudetto non è arrivato ma i neroazzurri hanno vinto 2 trofei e soprattutto sono in finale di Champions League. Ovvio l’Inter non è favorita ma se la giocherà. Soprattutto sembra che i neroazzurri siano arrivati al top nel momento decisivo della stagione. Lautaro ha ripreso a segnare e se è vero Dzeko sembra un po’ appannato Lukaku sembra tornato quello di un paio di anni fa.

E non snobbiamo la Coppa Italia perché ieri l’Inter è andata subito sotto, un gol che ti può tagliare le gambe e invece la reazione è stata veemente. Due gol e una clamorosa chance mangiata da Dzeko. Nella ripresa ancora due grandi occasioni, alla fine il 2-1 sta quasi stretto all’Inter. Simone festeggia senza togliersi i sassolini dalle scarpe, forse aspetta la finale di Champions. Intanto ha regalato il quarto successo all’Inter nonostante qualche tifoso lo voleva cacciare.

Iscriviti al mio canale Yotubue

Con i giusti acquisti questa Inter può puntare al titolo l’anno prossimo sempre sotto alla guida di Simone Inzaghi che dopo essere diventato il Re di Coppe vuole anche vincere il suo primo Scudetto. Se ti è piaciuto questo articolo iscriviti alla newsletter qui sotto.

Subscribe to our newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *